Home Cinema e serie TV “ American Psycho ”

“ American Psycho ”

10 Minuti di lettura
0
63
1,206
American Psycho
digital agency Whooho!

American Psycho è un film del 2000 diretto da Mary Harron, ispirato all’omonimo romanzo di Bret Easton Ellis; quando arrivò nei cinema americani vent’anni fa si trasformò immediatamente in un cult movie. Nel 2002 venne distribuito American Psycho 2, come sequel della prima pellicola e, sempre nello stesso anno, venne rilasciato Le regole dell’attrazione, ovvero lo spin-off di American Psycho 1. Nel 2009 la rivista Variety diede la notizia che il film sarebbe stato trasposto in un musical, il quale ha ricevuto la sua prima mondiale all’Almeida Theatre di Londra nel 2013. Nel cast troviamo come protagonisti: Christian Bale (P. Bateman), Reese Witherspoon (E. Williams), Willem Dafoe (Det. D. Kimball), Jared Leto (P. Allen) e Chloë Sevignv (Jean).American PsychoIl film è caratterizzato da contenuti molto forti e sensibili. Difatti per American Psycho molte case di moda non vollero essere citate, dunque la produzione fu costretta a trattare poiché i vestiti e gli accessori di marca erano indispensabili per il personaggio di Patrick Bateman; ad esempio, Nino Cerruti, diede il suo consenso a far indossare i suoi abiti a Christian Bale, ma non durante le sequenze violente. Rolex fece indossare i suoi orologi a tutti i membri del cast, tranne che al protagonista, viceversa, Calvin Klein, non scese a compromessi. Il lungometraggio raffigura, con umorismo nero, lo stile di vita degli yuppies americani degli anni ottanta. American PsychoCosì si presenta il protagonista: “Abito all’American Gardens building, sull’ottantunesima West, undicesimo piano. Mi chiamo Patrick Bateman, ho ventisette anni. Credo fermamente nella cura della persona, in una dieta bilanciata, nel rigoroso e quotidiano esercizio fisico; la mattina noto in genere un certo gonfiore attorno gli occhi, mi applico un impacco di ghiaccio e passo agli esercizi di stretching, ne conosco un migliaio. Tolto l’impacco di ghiaccio mi detergo con una lozione che pulisce i pori in profondità, per la doccia uso un gel detergente ai principi attivi, quindi un sapone a miele e mandorle e, per il viso, un gel esfoliante. Applico quindi una maschera facciale alle erbe che lascio agire per dieci minuti, mentre proseguo nella mia routine. Uso sempre una lozione dopo barba con poco o niente alcol, dato che l’alcol secca la pelle e fa apparire più vecchi; quindi una lozione emolliente, un balsamo anti rughe per il contorno degli occhi ed infine una lozione protettiva idratante. C’è una vaga idea di Patrick Bateman, una sorta di estrazione, in realtà non sono io ma una pura entità, qualcosa di illusorio. Anche se so mascherare la freddezza del mio sguardo e tu puoi stringermi la mano e sentire la mia carne contro la tua e magari perfino arrivare a credere che i nostri stili di vita sono probabilmente comparabili, la verità è che io, non sono lì”.American PsychoPatrick Bateman è la l’incarnazione del narcisismo maligno, una sindrome psicologica che comprende un mix estremo di  narcisismo, comportamento antisociale, aggressività e sadismo. Perverso e manipolatore, Bateman, è sempre pronto ad aumentare i livelli di ostilità, minare le organizzazioni in cui è coinvolto, e disumanizzare le persone con cui entra in relazione. Siamo a New York (1987), Patrick è un affascinante giovane professionista che vive una doppia vita; di giorno lavora a Wall Street e di notte si trasforma in un macabro e psicopatico serial killer. Questa è una commedia nera e misteriosa che esamina gli elementi che rendono un uomo un mostro. Abiti firmati, club e ristoranti alla moda, un corpo da divinità… dietro questa facciata è nascosto un killer che di notte, strafatto, dopo aver pippato cocaina, uccide barboni e prostituite. Le donne che circondano Patrick, ovvero la fidanzata Evelyn, l’amante Courtney e la segretaria Jean non sospettano nulla; persino il detective Kimball viene attratto ed incantato dalla sua enigmatica personalità. “Ho tutte le caratteristiche di un essere umano: carne, sangue, pelle, capelli; ma non un solo chiaro identificabile sentimento a parte l’avidità e il disgusto. Qualcosa di orribile sta succedendo dentro di me e non so il perché, la mia libidine notturna per il sangue ha invaso le ore del giorno, mi sento letale, sull’orlo del delirio, la mia maschera di normalità sta per scivolarmi di dosso”.American PsychoL’atroce dramma di American Psycho si cela sotto una pelle vellutata, i capelli impomatati e un fisico scolpito; un giovane americano immerso nel malessere del benessere. Il suo volto liscio, lucido e perfetto è apatico mentre gode sfogando la sua sete di morte. Consumato dal materialismo il protagonista ha bisogno di sentirsi speciale; Patrick commette atti mostruosi pur di diventare il migliore.  American Psycho ha anticipato quel narcisismo di massa che riempie i social media poiché dietro ogni felicità esibita costantemente, è molto probabile che si nasconda della frustrazione. Il film si conclude con un monologo di Bateman nel quale egli accetta la propria realtà: “Sotto sotto non ha importanza, non ci sono più barriere da attraversare, tutto ciò che ho in comune con l’incontrollabile e la follia, la depravazione e il male, tutte le mutilazioni che ho causato e la mia totale indifferenza verso di esse, tutto questo ora l’ho superato. La mia pena è costante e affilata, e io non spero per nessuno un mondo migliore, anzi, voglio che la mia pena sia inflitta agli altri, voglio che nessuno possa sfuggire. Ma anche dopo aver ammesso questo, non c’è catarsi, la mia punizione continua a eludermi e io non giungo a una più profonda conoscenza di me stesso, nessuna nuova conoscenza si può estrarre dalle mie parole, questa confessione non ha nessun significato”.American PsychoAmerican Psycho dà prima libero sfogo alle manie omicide, sadiche e perverse di Bateman per poi farle implodere; il dualismo giorno-notte quasi scompare e il protagonista rischia di commettere troppi passi falsi e per poi quasi farsi scoprire.

Tutto quello che è successo durante la narrazione è accaduto realmente o era solo il frutto di una mente disagiata che trovava sfogo solamente negli appunti di un assassino solo potenziale?  

Guarda il trailer:

  • un

    “ The Undoing ”

    The Undoing – Le verità non dette è una miniserie televisiva diretta da Susanne Bier…
  • oscar

    “Oscar 2021”

    La 93ª edizione dei premi Oscar si è tenuta a Los Angeles in due sedi differenti, il  Dolb…
  • Burlesque

    “ Burlesque ”

    Burlesque, festeggia i suoi primi dieci anni. Scritto e diretto da Steven Antin, il film, …
Mostra ulteriori articoli correlati
  • un

    “ The Undoing ”

    The Undoing – Le verità non dette è una miniserie televisiva diretta da Susanne Bier…
  • oscar

    “Oscar 2021”

    La 93ª edizione dei premi Oscar si è tenuta a Los Angeles in due sedi differenti, il  Dolb…
  • Burlesque

    “ Burlesque ”

    Burlesque, festeggia i suoi primi dieci anni. Scritto e diretto da Steven Antin, il film, …
Mostra di più By Luca Visintini
  • un

    “ The Undoing ”

    The Undoing – Le verità non dette è una miniserie televisiva diretta da Susanne Bier…
  • oscar

    “Oscar 2021”

    La 93ª edizione dei premi Oscar si è tenuta a Los Angeles in due sedi differenti, il  Dolb…
  • Burlesque

    “ Burlesque ”

    Burlesque, festeggia i suoi primi dieci anni. Scritto e diretto da Steven Antin, il film, …
Mostra di più in Cinema e serie TV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliamo anche

“ The Undoing ”

The Undoing – Le verità non dette è una miniserie televisiva diretta da Susanne Bier…