Home Arte e cultura La caduta dell’impero romano. Goti, Bizantini e il Ducato napoletano.

La caduta dell’impero romano. Goti, Bizantini e il Ducato napoletano.

5 Minuti di lettura
0
0
90
digital agency Whooho!

Caduto nel 476 d.c. l’Impero Romano d’Occidente l’Italia fu teatro di guerra fra Goti e Bizantini.

Nella città di Napoli in questo periodo si trovava un presidio Gotico ben voluto dal popolo napoletano.

L’Imperatore d’Oriente Giustiniano per liberare Napoli dai Goti inviò il generale Belisario e quando il generale venne a Napoli si trovò di fronte ad una forte resistenza. Per entrare all’interno della città l’esercito bizantino fu costretto ad utilizzare come passaggio un acquedotto che portava ad un pozzo collocato all’interno del Chiostro della Chiesa di S. Patrizia.

A distanza di pochi anni i Goti riuscirono di nuovo a conquistare Napoli, ma nel 553 d.c. Giustiniano inviò il nuovo generale Narsete che cacciò definitivamente i Goti da Napoli. Con l’ingresso di Napoli nell’orbita Bizantina la città divenne una provincia governata da Ravenna.

La città Partenopea per lungo tempo restò sotto il dominio di Bisanzio e solo nel VII d.c. secolo ci fu la nascita del Ducato Napoletano.

Inizialmente il Ducato fu gestito dal vescovo, figura importante a livello religioso e civile. Caduta nel 638 la potenza vescovile troviamo la nascita di una nuova figura: quella del Duca di nomina Imperiale.

Dopo una lunga successione di uomini alla guida del Ducato una svolta la troviamo con Stefano II che si allontanò dal potere centrale per fondare il ducato autonomo napoletano.

Durante la sua lunga vita il Ducato napoletano fu assediato dai Saraceni e dai Longobardi.

I Longobardi arrivati in Italia si stanziarono a Benevento e da qui tentarono più volte di conquistare Napoli. L’offensiva riprese intono al IX secolo d.c. e per ben cinque volte i Longobardi cercarono di conquistare Napoli. Nell’assedio del 831 i Longobardi trafugarono il corpo di San Gennaro dalle catacombe per portarlo a Benevento.

Nel IX secolo troviamo anche le prime incursioni dei Saraceniche che si stanziarono con i loro accampamenti sulla spiaggia del Moricino, attuale Piazza Mercato e nei suoi ultimi anni il Ducato si trovò ad affrontare la minaccia Normanna.

Nel periodo medievale a Napoli era ancora viva la tradizione greco romana e dell’arte nata in questo periodo è rimasto poco, oltre alle chiese nate sulle rovine di antichi edifici pagani come le 4 Basiliche Maggiori:

San Giovanni Maggiore costruita sui resti di un tempio dedicato ad Ercole.

SS. Apostoli costruita sui resti di un tempio pagano.

Santa Maria Maggiore costruita sui resti di un tempio dedicato a Diana.

San Giorgio Maggiore costruita su un vecchio tempio pagano dedicato a Demetra.

Abbiamo testimonianze di alcuni mosaici che decoravano la cupola del Battistero di San Giovanni in Fonte situato nella Chiesa di Santa Restituta, attualmente cappella della Cattedrale di Santa Maria Assunta ovvero del Duomo di Napoli. La Chiesa di Santa Restituta è la chiesa più antica della città. I Mosaici portati alla luce nel 800 furono datati al IV secolo.

Stay tuned lettori per il prossimo articolo sulla Napoli Svevo Normanna….

 

  • Il regno Svevo

    Alla morte di Tancredi, il Regno di Sicilia passò dalla dominazione Normanna alla dominazi…
  • I Normanni a Napoli.

    Allontanata la minaccia Longobarda, la città Napoletana passò sotto il dominio dei Normann…
  • Dopo i greci, la Napoli Romana!

    La città di Napoli nel 326 a.C. cadde sotto il controllo romano a seguito delle guerre San…
Mostra ulteriori articoli correlati
  • Il regno Svevo

    Alla morte di Tancredi, il Regno di Sicilia passò dalla dominazione Normanna alla dominazi…
  • I Normanni a Napoli.

    Allontanata la minaccia Longobarda, la città Napoletana passò sotto il dominio dei Normann…
  • Dopo i greci, la Napoli Romana!

    La città di Napoli nel 326 a.C. cadde sotto il controllo romano a seguito delle guerre San…
Mostra di più By Adele Massaro
  • Il regno Svevo

    Alla morte di Tancredi, il Regno di Sicilia passò dalla dominazione Normanna alla dominazi…
  • I Normanni a Napoli.

    Allontanata la minaccia Longobarda, la città Napoletana passò sotto il dominio dei Normann…
  • Dopo i greci, la Napoli Romana!

    La città di Napoli nel 326 a.C. cadde sotto il controllo romano a seguito delle guerre San…
Mostra di più in Arte e cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliamo anche

Il regno Svevo

Alla morte di Tancredi, il Regno di Sicilia passò dalla dominazione Normanna alla dominazi…