Home Arte e cultura Le origini della città di Napoli: i greci tra Palepolis e Neapolis

Le origini della città di Napoli: i greci tra Palepolis e Neapolis

4 Minuti di lettura
0
1
202
digital agency Whooho!

La città di Napoli per la sua posizione al centro del Mediterraneo fu conquistata e governata da diverse popolazioni e la sua stratificazione storica abbraccia un arco di tempo che va dalla fondazione da parte dei Greci fino ai giorni nostri.

La storia che ruota intorno alla città di Napoli è molto antica. Secondo Strabone il primo nucleo della città fu fondato dai Greci provenienti da Rodi sull’isolotto di Megaride attuale Castel dell’Ovo, questa teoria è stata confermata da numerosi ritrovamenti archeologici datati fra il IX e l’VIII secolo a.C.

Un secondo insediamento di origine cumana lo troviamo a partire dal 680 a.C. sul promontorio di Pizzofalcone.

Scavi archeologi hanno portato alla luce una Necropoli in via Nicotera risalente al VII secolo. Questo insediamento conobbe un periodo di decadenza e si pensa che fu distrutta o abbandonata dai Cumani per paura di una concorrenza. Nel 474 a.C. la vittoria dei Siracusani sugli Etruschi nella battaglia di Cuma, portò alla fondazione di un nuovo insediamento ex-novo che prese il nome di Neapolis “città nuova” per distinguersi da Palepolis “città vecchia”.

Anche il sistema urbanistico di Napoli risentì dell’influenza delle varie dominazioni. L’impianto scelto alla fondazione fu il modello Ippodameo tipico delle polis greche, si tratta di un modello basato su una struttura ortogonale composto da tre strade principali dette Plateai e da numerose strade secondarie chiamate Stenopoi. A Napoli questo tracciato è ancora visibile al centro storico, le Platee greche corrispondono a Via dei Tribunali, Via Anticaglia e Via San Biagio dei Librai.

L’Agorà, l’antica piazza greca dove si amministrava la giustizia doveva trovarsi dove ora si trova Piazza San Gaetano, questa ipotesi è stata confermata da scavi condotti sotto la Chiesa di San Lorenzo Maggiore. Gli scavi hanno portato alla luce una pavimentazione e dei resti di un edificio risalente al V secolo a.C.. Come tutte le città greche anche Napoli era dotata di mura, attraverso i ritrovamenti archeologici è stato possibile ricostruire il tracciato delle mura che risale a periodi diversi. Le mura del V secolo partivano a nord da Via Foria, giravano per S. Giovanni a Carbonara fino al mare, a ovest risalivano Via Mezzocannone, mentre al IV secolo risalgono i muri di piazza Bellini.

Alla prossima dominazione….

 

 

 

 

 

 

Mostra ulteriori articoli correlati
Mostra di più By Adele Massaro
Mostra di più in Arte e cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliamo anche

Il regno Svevo

Alla morte di Tancredi, il Regno di Sicilia passò dalla dominazione Normanna alla dominazi…